SAI BABA -LA MORTE DI UN FALSO PROFETA

Satyanaryan Raji o Sathya Narayena Raju nasce nel 1926 a Karnatakka-Nagepalle in India meridionale,  ufficialmente a Puttaparthi per costruirne la profezia che vorrebbe Satyanaryan (= Sathya) reincarnazione dell’asceta musulmano Shridi Sai Baba morto nel 1918 e venerato anche in India come santo.  Di casta brahminica a 14 anni, nel 1940, il comportamento di Sathya diviene patologico, “urlava, cantava inni sacri e all’improvviso si irrigidiva“, sintomi dell’anoressia e della sintomatologia isterica, diagnosticata dall’ufficiale medico del distretto di Anantapur e riportata anche dal biografo ufficiale di Sathya Sai Baba il dott. Kasturi, convertita poi da Sathya stesso in forma mistica; dirà “risvegliandosi“, ai suoi famigliari “adoratemi” autoproclamandosi la reincarnazione di Sai Baba del villaggio di Shirdi, l’Avatar (= manifestazione di dio) di Shiva definitiva (NB. singolare, perchè nell’induismo Shiva non ha avatara!!!).
Così si sarebbero succeduti nove “avatar”: 1)il Pesce (che aveva una funzione di salvatore durante il diluvio induista); 2)la Tartaruga; 3)il Cinghiale; 4)l’uomo-leone; 5)il Nano; 6)Rama con l’ascia che libera il mondo da un oppressione; 7)Rama eroe; 8)Krishna; 9)il Buddha. E’ prevista una decima manifestazione di Vishnu e Sai Baba se ne è “appropriato” affermando di essere lui anche ‘avatar” di Vishnu della sua decima “discesa” che ha il nome di Kalkin, sceso ad aiutare gli uomini in questa Kali-yuga (= epoca nera). “Sai Baba dichiara di essere l’Avatar, il Salvatore atteso dalla storia. Gli antichi testi annunciano che l’Avatar, per poter essere riconosciuto, deve portare con sè segni ed attributi ben precisi. L’Avatar deve avere anzitutto dei segni cutanei. Questi segni devono necessariamente comparire nella parte sinistra del corpo e sono rappresentati da un neo sulla guancia e da un Garuda sull’emitorace sinistro. Il Garuda è un’aquila e ha un profondo significato spirituale. Il Garuda è il simbolo del karma, afferma Sai Baba, e le due ali simboleggiano la fede (Shradda) e la devozione (Bhakti). In sanscrito il volatile prende il nome di Hridaya Vihaga, che significa uccello del cuore le cui azioni sono il risultato della fede e della devozione. Krishna aveva questo segno e con Lui tutti i Sai. Il segno di Garuda che Baba porta sull’emitorace sinistro venne mostrato dal dr. Fanibunda, negli anni 70. A fianco dei segni cutanei l’Avatar deve possedere i 15 Kalas che sono gli attributi divini che comprendono: 1)il controllo assoluto sul corpo fisico (= onnipotenza); 2) il controllo delle facoltà psichiche (= onniscenza); 3)il controllo su tutti gli elementi della natura (=onnipresenza)…Sai Baba possiede i segni cutanei esclusivi di Dio…poi vi sono antiche profezie per stabilire l’annuncio della venuta del Grande Condottiero…”
(http://groups.msn.com/SriSathyaSaiBaba/daluomovenutodacielo.msnw)

Sai Baba ritiene di essere un purnavatar, cioè l’avatar integrale, la definitiva manifestazione di “Dio”, capace di superare e di dare compimento alle precedenti rivelazioni, ancora imperfette, come quelle di Gesù Cristo o di Rama Krishna;  Gesù Cristo (incarnazione) fu un ‘amshavatara’ (=avatar parziale). Egli dichiara di costituire una trinità, insieme con la sua precedente incarnazione, il Sai Baba di Shirdi e con Prema Sai Baba che nascerà, in India, dopo la sua morte. Suo compito è quello di dare inizio ad una nuova era spirituale dell’umanità, che si realizzerà pienamente quando il culto della sua divinità, diffondendosi planetariamente, unificherà nell’unica adesione a Sai Baba tutte le religioni e ciò segnerà il ritorno dell’età dell’oro: un mondo di giustizia e di pace. C’è dunque una specie di trinità: 1) il Sai Baba di Shirdi (+1918); 2) Sathya Sai Baba di Puttaparthi (vivente); 3) il futuro Prema Sai Baba.

 

A.jpg

Sai Baba affida la prova della propria divinità ai “miracoli” a lui attribuiti, però niente di più di quanto potrebbe fare un mediocre illusionista. Dalle sue mani esce continuamente la ‘vibhuti’ una sostanza simile a cenere che avrebbe qualità miracolose (cf. filmati di scarsa prestidigitazione del “Dio” Sai Baba: www.exbaba.it).  Profezia, chiaroveggenza, materializzazioni di oggetti preziosi e statuette sacre: pare che nulla sia impossibile per Sai Baba. C’è chi lo vede trasformare fiori in diamanti o sassi in caramelle; chi sostiene di essere stato da lui guarito e, addirittura, chi gli attribuisce di aver fatto rivivere i morti.
Il carattere divino che Sai Baba riferisce alla sua persona è l’elemento centrale della spiritualità del movimento. Nei centri Sai Baba, accanto ai gadgets (vedeocassette, volumi, teche contenenti la vibhuti, acqua “sacra”), c’è uno spazio ove sono raccolti i simboli delle varie religioni del mondo, ma al centro spicca l’effige di Sai Baba, a indicare il suo destino divino. Sai Baba, infatti, sarebbe colui che è atteso nelle profezie di ogni religione, dall’Apocalisse di Giovanni, alle Centuriae di Nostradamus, alle “profezie” di S. Malachia, a quelle – spurie – attribuite a Maometto e persino a papa Giovanni XXIII.
Fallite le cure mediche Sathya fu sottoposto alle “cure” dei maghi, degli astrologi e anche degli “esorcisti locali”, uno dei quali si accanì sadicamente sul ragazzo con torture fisiche al fine dal far uscire il demonio che, come asseriva, avrebbe posseduto l’adolescente. A partire dall’8 marzo 1940, a Uravakonda, dove frequenta la scuola superiore, entra in uno stato di esaltazione, alla fine del quale, il maggio dello stesso anno, dopo aver cominciato a “materializzare” vari oggetti apparentemente dal nulla, si fa chiamare Sai Baba, nome che significherebbe “Santo Padre e Madre Divina Universale” (secondo quanto affermato dai suoi devoti nella sua biografia ufficiale). Il 28 ottobre 1940 abbandona gli studi e la famiglia ed inizia la sua missione di guru (= maestro spirituale) raccogliendo molti devoti. Nel 1950 avvia la costruzione del suo ashram (luogo di isolamento spirituale), cioè l'”Asilo della Pace” di Puttaparthi. Morirà nel 2022 secondo la sua stessa previsione.
Sathya Sai Baba ogni anno attira cinquantamila pellegrini a Puttaparthi, dove ha sede il centro direttivo. Attorno alla figura di Sai Baba è sorta e si è via via incrementata un’aura di esaltazione spirituale fino al punto che nella fede dei più convinti, produce una progressiva divinizzazione del santone. Il flusso crescente del pellegrinaggio a Puttaparthi bene esprime il carattere saliente della spiritualità saibabista, fortemente centrata sulla persona del guru. Nei centri si può inoltre meditare, accostarsi ai testi sacri dell’induismo, partecipare ai canti sacri, i bajan. Grazie ad un’efficiente gestione, tanto della sua persona quanto delle offerte, la notorietà di Sai Baba è in costante aumento. Infatti attorno al maestro gradatamente si è costituita una organizzazione internazionale, la «Sathya Sai Organization», con oltre 30.000 centri in 137 nazioni.
Sathya Sai Baba non si pone come un fondatore di una religione ma si definisce come verità assoluta.
Questi i tre concetti chiave della dottrina di Sai:

1) Dio non è “Persona” ma “Principio Divino” che pervade l’universo e che si ipostatizza in una divinità triadica: Brahma (Pensiero e Volontà), Vishnu (Sapienza, Legge, Amore), Shiva (Principio intelligente creatore). 

2) La Creazione non è altro che una manifestazione della divinità, pertanto ci collochiamo in un panteismo materialistico tipica della religiosità orientale in genere. 

3) L’Avatar consiste in una sorta di “discesa” della divinità nel cosmo materiale in particolari momenti di crisi spirituale dell’umanità.

 

Chi crede in Sai Baba è convinto che il santone di Puttaparthi sia il bhagavan, cioè colui che possiede le sei qualità divine, tra cui l’onnipotenza, l’onniscienza e l’onnipresenza.

Dal punto di vista cristiano la dottrina di Sai Baba non è accoglibile ponendo insormontabili difficoltà alla sua accoglienza. Quando il santone di Puttaparthi dichiara di essere dio, superando addirittura la rivelazione di Gesù Cristo, toglie a Questi il carattere di unicità salvifica proclamato nella fede dei cristiani. Addirittura Gesù viene presentato come un discepolo dell’India con la missione fondamentale di annunciare la venuta di Sai Baba. Non è accoglibile la identificazione della divinità triadica nell’induismo (Brahma, Vishnu, Shiva) con Dio-Trinità. I sacramenti  (primo l’eucarestia) sono segni efficaci della grazia ma da Sai Baba sono ridotti a simboli ed acquistano significato se celebrati in nome di Baba. Inoltre la prestesa sincretistica di unificare tutte le religioni nel culto alla persona di Sai Baba sottintende anche lo scioglimento del cristianesimo, a favore di una costituenda religione universale.
La divinizzazione di Sai Baba e l’assunzione funzionale di ogni altra religione sono caratteristiche di questa pretesa spiritualità che, sulla base dell’indubbia capacità organizzativa del fondatore, tende a inglobare anche il cristianesimo, svilendolo e snaturandolo. La fede cristiana professa l’unica incarnazione di Dio nella persona di Gesù di Nazareth, definitivo rivelatore del Padre. In base a tale fede non si può fare di Sai Baba il destinatario delle profezie di ogni religione.
La sua dottrina non è altro che un induismo riformulato e centrato sulla sua persona, cui viene tributato un vero e proprio culto divino. L’originalità religiosa è ridotta ad un’autoproclamazione di natura messianica: Sai Baba è l’unico Dio, l’unico futuro delle varie religioni. Il suo compito è uniformare, nell’adesione alla sua persona, tutte le reli­gioni. Chi è suo seguace lo ritiene un Dio.
Egli insegna che ciò che conta non è tanto aderire a una religione (egli sostiene la possibilità della doppia appartenenza), ma la condotta. Invita a sperimentare Dio come stato di coscienza superiore che è già dentro di noi, ed è raggiungibile non tanto attraverso la conoscenza, ma per mezzo di un’esperienza diretta che non è disgiunta dal compimento del proprio dovere, e del servizio reso agli altri. Questa idea è alla base delle iniziative umanitarie (ospedali ecc.) di Sai Baba.
Molti sono coloro che si accostano al saibabismo per curiosità, spesso a seguito di conferenze pubbliche o di testimonianze personali, vie ordinarie per avvicinare persone che – non di rado – provengono da delusioni religiose.
Per diventare saibabista occorre però un periodo di preparazione, tramite corsi istituiti a tale scopo.Tra i suoi seguaci ci sono persone che, deluse dalla religione a cui appartenevano, si rivolgono a lui con entusiasmo. Vogliono sperimentare il divino. Ne nasce anche una disponibilità ad opere di solidarietà. Inoltre egli propone di superare la molteplicità di religioni, non annullandole, ma facendone una specie di confederazione. È il Sincretismo (= tutte le religioni sono sostanzialmente uguali, sicchè è possibile una doppia o plurima appartenenza oppure miscelarne i diversi elementi): si mescolano Bibbia, Corano, Veda e grandi Maestri di spiritualità, sostenendo che tutti dicono la stessa cosa. Ma in realtà ci sono differenze sostanziali e irriducibili tra le diverse religioni. Dice un proverbio: «Nella notte nera tutte le vacche sembrano nere»; ma quando c’è il sole si vede che possono essere brune, bianche, nere o pezzate. Così è per le religioni: sono tutte (quasi) uguali solo per chi non le conosce. Questa religione ritiene equivalenti tutte le religioni, ma in ultima analisi le stempera tutte nella propria visione religiosa; tant’è che, per esemplificare, il cristiano viene da lui sollecitato a essere un buon cristiano e nello stesso tempo a rivolgersi a Sai Baba per ogni necessità e a venerarlo, considerandolo superiore a Cristo stesso. Così anche persone provenienti dal cristianesimo arrivano ad adorarlo convinti della sua divinità.
Pur rispettando la coscienza di ognuno, si deve far notare che nella dottrina di Sai Baba il ruolo di Gesù Cristo unico salvatore è totalmente perso. Credere di poter restare cristiani adorando Sai Baba, è un’illusione. Concludiamo col monito dell’apostolo Paolo ai Gàlati (1,6-8), i quali dopo aver creduto in Gesù Cristo si erano lasciati affascinare da altro:
«Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate ad un altro vangelo. In realtà, però, non ce n’è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema (= scomunicato)!». Non condividiamo la prassi di seguaci di Sai Baba che si presentano come missionari cattolici mascherando la propria appartenenza ‘sai-babista’. Lo riteniamo sleale.
Il clima miracolistico e di esaltazione emotiva, anche sincero, non può essere accolto in modo indiscriminato. La «divinizzazione» di Sai Baba, oggetto di uno sconcertante culto della personalità, è la risposta emotiva-affettiva degli adepti, la cui sete di amore si riversa sul guru, il quale diventa così unico centro di adorazione. Il bisogno di vedere, toccare, sperimentar miracoli, guarire, è probabilmente alla radice del successo di Sai Baba, la cui capacità manipolatoria ha dell’incredibile. Il forte bisogno di guarigione e d’immediata risposta alle sofferenze fisiche o morali viene soddisfatto attraverso il ricorso al prodigio. Ma ci sono casi di persone ammalate di cancro, che anzichè curarsi hanno preferito andare in India in cerca di un miracolo che non c’è stato.

IL SINCRETISMO di SAI BABA

 

 

  • linga di Shiva;
  • la sillaba OM;
  • la fiamma di Zoroastro;
  • la stella di Davide;
  • la mezzaluna dell’Islam;
  • la croce cristiana.

 

 

Un fiore con cinque petali, al centro della corolla il linga, il fallo sacro di Shiva: questo è il simbolo del movimento dei Sai Baba, sorto nel 1965, a indicare l’intenzione spirituale del saibabismo, l’unificazione delle cinque grandi religioni del mondo, riassunte e trasformate in un’unica ed universale esperienza religiosa.

Ai suoi membri viene richiesto di trascendere gradualmente la devozione verso la forma fisica, i miracoli ed i rituali, al fine di divenire devoti dell’essenza senza forma… Onora tutte le religioni. Ognuna è un sentiero verso l’unico Dio… [Sai Baba] (cfr. http://www.osssbi.org/).

(Nel simbolo: 1.Om hindu; 2.Ruota buddhista; 3.fuoco di Zoroastro; 4.Stella e luna crescente islamica; 5.Croce cristiana).

                       
B.gifC.jpg

 

I centri sono a mezza via fra l’agenzia pubblicitaria e il tempio. Un’area sacra, in cui primeggia – accanto ai simboli di molte religioni – un ritratto di Sai Baba (vi si può accedere solo se scalzi o con i piedi rivestiti di apposite babbucce).
In Italia, il paese europeo con più seguaci di Sai Baba, ci sono una sessantina di centri sparsi nella penisola. Il primo fu fondato a Torino nel 1977 dall’ing. Mario Bianco. In seguito il movimento ha raccolto adesioni di qualche impor­tanza: Antonio Craxi (+2000), fratello dell’uomo politico Bettino; il cardiologo Alberto Caratti che prestò servizio nell’ospedale voluto da Sai Baba a Puttaparthi, e anche il sacerdote cattolico bergamasco don Mario Mazzoleni (+2001), che dopo ripetuti richiami è stato scomunicato, suscitando qualche clamore.
L’Organizzazione di Sai Baba, sia a livello internazionale che livello italiano, è suddivisa in quattro rami: 1) spirituale, 2) educativo, 3) di servizio, 4) giovanile. Il «servizio» comprende un’ampia serie di opere di solidarietà e volontariato coordinate su scala internazionale dall’Organizzazione Mondiale «Sathya Sai Seva». Il progetto di Sai Baba è infatti ambizioso e la diffusione mondiale del suo pensiero esige una solida rete organizzativa, coordinata dal centro, cioè l’Asilo di Puttaparthi. Qui sorge il Sri Sathya Sai College ove si formano i futuri attivisti del movimento, come avviene anche nei vari Centri Sai Baba sorti via via in moltissimi Paesi. La Conferenza nazionale indiana dei centri Sai Baba coordina l’attività dei centri disseminati sul globo.

Per altre utili informazioni vedi anche (link esterno).

SAI BABA -LA MORTE DI UN FALSO PROFETAultima modifica: 2011-04-06T04:12:00+02:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo

67 pensieri su “SAI BABA -LA MORTE DI UN FALSO PROFETA

  1. Chi siete voi che vi sentite così in diritto di giudicare la persona e l’operato di Sai Baba, se non lo avete mai conosciuto, e vi basate soltanto su notizie riportate da altri. Chi siete voi che vi sentite in diritto di giudicare questo grande essere, che ha costruito due ospedali dove tutti posso accedere gratuitamente, quando in India si paga anche la più stupida medicina. Chi siete voi per giudicare colui che ha portato l’acqua a 1800 villaggi, dove uomini di potere come voi se ne sono sempre fregati. Chi siete voi che pensate di avere la verità nelle vostre mani. Chi siete voi che calpestate la libertà di milioni di persone che amano questo grande essere. Chi siete voi che l’amore non lo sapete nemmeno come è fatto, e che state da 2000 anni facendo proseliti per arricchire soltanto le vostre tasche. Guardate com’è il mondo ora, grazie anche a voi che non siete stati in grado di portare al mondo il messaggio di Cristo.
    Ama il prossimo tuo come te stesso, questo diceva Gesù, e non mi sembra che voi lo stiate mettendo in pratica denigrando un grande essere come Sai Baba. La storia della chiesa sta finendo, ed è giusto che finisca, quanti danni ha fatto in tutti questi secoli, e voi ne siete correi. Vi esorto ad amare tutti per il vostro bene. ” Ama il tuo nemico”
    Citate S. Paolo che non ha mai copnosciuto Gesù, vi basate su dei vangeli scritti dopo un 70 di anni dalla sua morte, e manipolati in tutti i secoli a venire. Voi la verità di Gesù Cristo non sapete nem,meno dove sta di casa.

  2. cari fratelli in cristo, certamente dio, lo spirito supremo, essendo la realta suprema e l unica sostanza reale non aveva che la sua stessa sostanza x manifestare gli universi. cosi non stupisce che lui stesso sia la natura essenziale del tutto…il panteismo, come voi lo definite, e sicuramante una parte rilevante della verita,fatto salvo che dio trascende infinitamente la sommatoria del tutto ed ogni oggetto manifestato, cosi che non puo essere limitato alla somma della sua creazione, ma questa non e altro che un infinitesimo bagliore transitorio e passeggero del suo eterno essere…questo l induismo e tutte le vie sapienziali, nella loro forma esoterica, cristianesimo compreso e le esperienze dei mistici lo hanno sempre affermato…dio non puo essere mai limitato da speculazioni intellettuali…egli sta oltre…alla portata dei cuori puri e pieni di devozione che desiderano conoscerlo…buona pasqua nella luce e amore universali di cristo e dei grandi di tutti isentieri e religioni che sono in eterna comunine con lui…om amen

  3. Non sono un discepolo di Sai Baba ….. Ovviamente Sai Baba non è morto, come non è morto Gesù e come ovviamente non moriremo noi tutti …..
    Le critiche che avanzate Voi nell’articolo, non a Sai Baba ma ai suoi discepoli, si possono applicare pari pari ai Cristiani …… eppure non ci vuole molto a capire : guardatevi attorno, molti hanno bisogno di aiuto ….

  4. Neppure io sono un “discepolo” di padre SAIBABA, ma ho letto queste cose:
    ”Ho impiegato anni per liberare, nel nome potente di Gesù, una signora, madre di quattro bambini, la quale era andata numerose volte a trovare il santone in India. Molte volte gli aveva baciato i piedi, Satana vuole essere adorato, e molte volte aveva mangiato la polvere. Bene, questa signora per anni ha sputato sangue per liberarsi dalle polveri.
    http://lastradadellafelicita.myblog.it/archive/2011/04/24/sai-baba.html

    Che ne pensate?
    Chi è il gruppo responsabile di questo sito?
    Grazie.

    SHLM

  5. La notizia della morte di Sai Baba mi ha colto di sorpresa questo giorno di Pasqua. Io ho conosciuto Sai Baba nel 1989, quando mi recai in India per turismo. Conservo ancora la Sacra Vibhuti per ricordo. Non ho mai fatto parte di nessuna religione o setta, ma sono stato sempre aperto verso tutte le esperienze tese al Divino. I giorni scorsi, nell’apprendere del suo ricovero, intervenni in un blog per ricordare che Sai Baba aveva sempre profetizzato la sua morte a 96 anni, che se fosse morto prima avrebbe smentito quanto sempre affermato della propria natura. Ora non so cosa pensare. Credo che i suoi devoti saranno delusi o proveranno a reinterpetrare questa profezia per spiegare l’errore di 11 anni.

  6. Intervengo soltanto per alcune ragioni
    (non ho nulla da aggiungere: è tutto scritto nel corposo articolo):

    intanto per ringraziare chi è passata da qui
    e chi ha ritenuto di voler lasciar scritto un proprio commento.
    Ribadisco una ovvietà: quanto espresso da ciascuno rappresenta il suo pensiero e cmq egli solo è il responsabile di quanto scritto, naturalmente.

    Poi, PROVO a rispondere un pò a qualche “domanda”:

    @m.d. : si, aveva sempre “profetizzato” la sua morte in una data diversa.

    @Roberto: i Vangeli da CHI sarebbero stati “manipolati”? E perchè?

    @Enrico: caro Enrico, non riesco davvero a condividere la tua posizione che, all’ingrosso, definirei “sincretista”. Grazie comunque d’essere intervenuto!

    @Mara: facci pervenire una saponetta, grazie. Quanto al giudizio: quello spetta solo a Dio, naturalmente. E sai baba è già stato giudicato, questo è certo.

    @giamta: confesso che non son riuscito a comprendere il tuo commento. Certo è colpa mia e della mia poca cultura. In particolare non ho capito perchè non moriremo(io ero convinto di dover morire, pensa tu)ed il parallelo sai baba-Gesù.

    @il Mio: In effetti ha sbagliato data. Si, il Signore è il Creatore e noi creature. Con tutto ciò che ne consegue.

    @Giamta: vedo che intervieni di frequente.Mi fà piacere! Ad ogni modo io non ho “massacrato” nessuno, neppure un cagnolino. E tanto meno “in nome di Gesù”. Vedi tu. Cmq se dici che debbo vergognarmi forse hai ragione. No, non sono un esoprcista: solo i Presbiteri possono (e debbono) farlo. Io molto più modestamente sono una misera creatura. Non ho capito il riferimento al primo ministro ma forse mi è sfuggito qualcosa. Ciao e grazie.

    @Joseph: grazie della tua breve ma interessante testimonianza. Sulla data “sbagliata”: ho già detto. Si, ritengo probabile che i suoi adepti addurranno qualche motivazione. Da un punto di vista, come dire, sociologico è ora interessante vedere come sarà gestito il tutto. A partire dal funerale -mi par di aver letto che sarà bruciato il corpo- e poi tutto il resto.

    Un saluto a tutti ed ancora GRAZIE d’esser intervenuti.

    Cristo è RISORTO: questa la nostra grande gioia, questa la nostra speranza.

  7. non penso ci siano errori nella data della sua dipartita ha solo deciso di andarsene prima(come hanno confermato alcuni devoti in piu interviste)per accelerare i tempi della sua nuova venuta ,visto che il mondo va sempre peggio.Mi dispiace per quelli che lo insultano senza averlo conosciuto,perche rimane comunque un atto grave.Anni fa era stato accusato di molestie sessuali se non si pedofilia per non poi scoprire che i pedofili erano altri.Ho letto alcuni articoli di giornali,che pena ,totale disinformazione e non parlo di quello che si dice dei suoi poteri,ma nelle cose piu semplici e materialissime.Io ho avuto la fortuna,secondo mè e la sfortuna secondo altri,di incontrarlo e in lui ho trovato la verità che cercavo,però per fare questo ho dovuto togliermi la curiosità di andare a vedere chi era costui che si dichiarava dio,ma c’è chi ha paura,paura di dover rivedere i suoi punti di vista oppure agrappato la suo credo in modo fanatico e non vede oltre il suo naso.

  8. La morte è un processo, è l’inizio di una nuova vita, è un cambiamento, ciò che muore, diciamo così, è il corpo fisico …… Gesù Cristo non è morto perchè noi tutti ricordiamo ciò che Lui ha insegnato, la stessa cosa vale per Sathia Sai Baba e per molti altri che hanno abbandonato il loro involucro fisico ……. se non si capisce cosa intendo dire scrivendo di massacri e il riferimento a berlusconi, non ha bisogno di spiegazioni ….. o si capisce, o non si capisce, …… chiaro che potrei spiegare quello che penso in merito, ma non ho alcuna intenzione di farlo ……, non so se realmente tu ti vergogni, se non lo fai lo faccio io per te, non c’è problema …..

  9. Vorrei ricordare a tutti i cristiani prima di giudicare, e lo dico con le parole di Gesù “Non Giudicate affinchè non veniate giudicati poichè di tal misura misurate cosi sarete misurati” non occorre citare ne il passo ne il capitolo poiche noi tutti in parte lo conosciamo. Infatti in tutti questi articoli che ho letti c’è ne stato qualcuno che ha azzardato a scrivere che Sai baba è stato giudicato. Anche lui se è per questo verrà giudicato ma tutti siamo giudicati Da Dio però noi non possiamo farlo è scritto nel vangelo.
    Detto questo il cattolicesimo da sempre giudica ed ha sempre giudicato, si ritiene in grado di potere giudicare e fare i Santi a paicimento. poichè si ritiene infallibile e perciò si ritiene all’altezza di Dio. a questo punto siamo pari. Anche la chiesa si ritiene di essere Dio e massacrare durante il periodo dell’inquisizione milioni di persone fra cui ci sarà stato anche qualche santo. Finiamola con tutte queste illazioni da ignoranti. Sai Baba non ha massacrato nessuno e se fosse un falso profeta?. Citerò un altro passo del vangelo dove sta scritto “l’albero si giudica dai frutti se l’albero è buono darà buoni frutti, se l’albero è cattivo darà frutti cattivi.
    Nel sermone profetico della montagna Gesù disse: ” negli ultimi tempi io manderò lo spirito di verità che prenderà del mio e lo annuncierà”.
    Cosa ha fatto Sai Baba? non ha distorto nessuna parola del vangelo di Cristo ha sempre manifestato amore per tutte le religioni. Lui ha sempre proclamato “Esiste una sola casta; la casta dell’umanità; esiste un solo linguaggio, il linguaggio del cuore; esiste una sola religione la religione dell’amore.” E che vogliamo dire sul fatto che Lui si è proclamato Dio? anche Gesù lo fece e per questo fu messo in croce. Sai Baba non dice che solo lui è Dio ma anche tutti noi lo siamo dobbiamo soltanto che non ne siamo consapevoli e la consapevolezza avviene attraverso una presa di coscienza interiore ed una ricerca della verità. Vorrei citare soltanto se qualcuno ha qualche dubbio di in merito un passo del vangelo di Giovanni.
    Capitolo 10 versetti da 31 a 37.
    ne citerò soltanto uno più importante ed esplicito ” quando i giudei lo accusarono perchè Lui si era fatto Dio, Gesù rispose loro “non è forse scritto nella vostra legge: Io ho detto:voi siete dei. Ora se essa ha chiamato dei coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio (e la scittura non può essere annullata) a colui che il Padre ha consacrato ecc. ecc. No comment! Nell’induismo il fatto che tutti siamo Dio è un concetto inappellabile e Gesù non ha detto la stessa cosa! Allora io dico questo nei sacri testi indù soprattutto nei Veda questi concetti sono chiari come è stato chiaro il versetto citato sopra. Noi Siamo Dio lo ribadisco soltanto che per potere raggiungerlo occorrono migliaia e migliaia di vite ecco perchè il concetto della reincarnazione è fondamentale per risolvere anche questo quesito. Poichè la resurrezione è stata sostituita con il concetto della reincarnazione. Tuttavia se qualcuno vuole contattarmi potrò descrivere le varie manipolazioni che il nostro vangelo ha dovuto subire nel tempo. basta leggere il Mosè proibito di Pincherle noto egittologo attraverso ricerche esegute sui rotolio del mar morto del quale io sto prendendo degli appunti per le mie ricerche. Per finire Se Sai Baba è un falso profeta allora ben vegano i falsi profeti che scrivono li bri come “Sai baba parla all’occidente leggetelo e vi ferete un’idea. prima di giudicare.

  10. Gesù risorge tutti gli anni nel giorno di pasqua e nasce tutti gli anni nel giorno di natale e cosi via per centinaia di anni,e quando pensiamo di rinascere noi oppure di risorgere?Forse sarò pessimista ,ma se le cose vanno cosi la vedo molto dura(a meno che non arrivi una lezione che ci raddrizza la schiena)Il mondo è molto vicino ad una crisi,per non dire baratro,e mi riferisco in modo particolare all’occidente ,ricco e opulento.Eppure la stragrande maggioranza della popolazione occidentale abbraccia la religione cristiana e di questi cristiani la maggioranza è cattolica.Si spendono fiumi di parole a parlare dell’amore del Cristo,ma chi ci insegna come si fà ad amare?Solo chi ha sperimentato l’amore incondizionato(DIO) puo insegnare una materia cosi delicata e difficilissima ai giorni nostri,in sintesi ,non ci sono Maestri.Quelle che dovrebbero essere le nostre guide spirituali(sacerdoti,preti e via discorrendo)purtroppo hanno fallito.Nei luoghi di culto di ripetono per anni le stesse prediche,con atti degli apostoli,lettere di SPaolo e frasi scontatissime del tipo”FATE I BUONI”.Ma c’è qualcuno che in parole povere ci spiega ,perchè bisogna porgere l’altra guancia e amare il nostro nemico e quale rivoluzione succede se mettiamo in pratica questi insegnamenti quale è il meccanismo che ci permette di stare meglio una volta fatte nostre queste verità…..e cosi via discorrendo prendendo i 10 comandamenti.Io personalmente sono dovuto andare in India e precisamente da quello che con molta leggerezza e scherno qualcuno ha definito falso profeta,per avere chiarezza e risposte ai quesiti sopracitati

  11. Con meraviglia trovo che i devoti hanno già “reinterpetrato”, come preannunciavo ieri, l’errore della profezia relativa alla data della morte di Sai Baba addirittura conteggiandola col calendario lunare, che gli darebbe in ogni caso 92 e non 96 anni! Ma c’è chi addirittura ha messo in dubbio che Sai Baba l’avesse mai fatta, ma solo un suo biografo. E poi è arrivata la consolante teoria: che Sai Baba ha anticipato volontariamente la sua morte per potersi reincarnare prima vista l’urgenza per il decadimento dell’uomo. L’uomo trova sempre un modo per ingannarsi perché la verità è dura. Meglio alterarla che accettarla! E la verità è una sola:che a nessun Dio può interessare dell’uomo. L’uomo è e rimarrà sempre solo. Almeno Sai Baba ha avuto la fantasia di darci una grande illusione. A differenza della teoria cristiana che è davvero raccapricciante e disgustosa quando parla dell’amore di Cristo portato al punto dell’antropofagia, che nel suo caso sarebbe teofagia!

  12. bhe che ti piaccio o no sono in molti me compreso che sapevano che sai baba se ne sarebbe andato prima di quanto preannunciato,maturalmente non la data precisa.Quello che per tè è teoria per mè e verità.Sono con te quando dici che la verità è dura,ma se l’accetti non c’è cibo migliore

  13. Dire che chi argomenta contro sai baba lo faccia perché non basato in verità e cose vissute cade nello stesso errore di giudizio, perché ci testemonianze a migliaia in giro per il mondo di ex devoti vissuti la e orrorrizati con cose viste e mesongne, e la sottoscrita stessa ha consciuto ben 3 ex devoti che hanno avuto LA FORTUNA di capire ciò che vedevano, intuire, e siccome molto intelligenti e non fanatici, ma solo desiderosi del bene supremo, hanno a malincuore lasciato il tutto molto delusi e sentiti traditi nella fiducia!!!
    Per cui occorrerebbe lavare la bocca questi per prima, che dicono ad altri di farlo, quando fanno presente un pensiero o una testimonianza in negativo nei confronti di UN “AVATAR” che non mori nè in Samadhi (STRANO!) e nè da martire, MA DA COMUNISSIMO MORTALE!!! E GIA CIò DICE TANTO….
    Ora però è ad affrontare la verità nell’aldilà e noi non c’entriamo più!

    FINITA ANCHE QUESTA!

    Quanto ai cristiani, si dica che non sono stati i cristiani ma la chiesa con i suoi errori… e su questo, per i cristiani, ci sono tante verità scomode, cosi come ci sono per i devoti di sai baba. Ma, paragonare sai baba a Gesù…ABBIATE PAZIENZA!

  14. Dire che chi argomenta contro sai baba lo faccia perché non basato in verità e cose vissute cade nello stesso errore di giudizio, perché ci testemonianze a migliaia in giro per il mondo di ex devoti vissuti la e orrorrizati con cose viste e mesongne, e la sottoscrita stessa ha consciuto ben 3 ex devoti che hanno avuto LA FORTUNA di capire ciò che vedevano, intuire, e siccome molto intelligenti e non fanatici, ma solo desiderosi del bene supremo, hanno a malincuore lasciato il tutto molto delusi e sentiti traditi nella fiducia!!!
    Per cui occorrerebbe lavare la bocca questi per prima, che dicono ad altri di farlo, quando fanno presente un pensiero o una testimonianza in negativo nei confronti di UN “AVATAR” che non mori nè in Samadhi (STRANO!) e nè da martire, MA DA COMUNISSIMO MORTALE!!! E GIA CIò DICE TANTO….
    Ora però è ad affrontare la verità nell’aldilà e noi non c’entriamo più!

    FINITA ANCHE QUESTA!

    Quanto ai cristiani, si dica che non sono stati i cristiani ma la chiesa con i suoi errori… e su questo, per i cristiani, ci sono tante verità scomode, cosi come ci sono per i devoti di sai baba. Ma, paragonare sai baba a Gesù…ABBIATE PAZIENZA!

  15. Aveva 86 anni secondo il Calendario Gregoriano Romano => 96 anni secondo il calendario Lunare indiano.
    Molti (poco informati e scettici) pensano che “morendo” a 86 anni (secondo il Calendario Gregoriano Romano di 365 giorni) il Maestro abbia sbagliato di circa 10 anni il tempo della sua partenza.
    L’Avatar predisse la data della sua partenza considerando il Calendario Tradizionale Indiano Lunare che secondo il metodo della “Nakshathara kala ganana”, un mese “Lunare” comprende 27,21 giorni, e un anno solare corrisponde a 12 mesi lunari, cioè 27 nakshathras.
    I giorni di un anno lunare sono 324. (non 365 come quello Gregoriano Romano).
    Quindi il Grande Avatar Sri Sathya Sai Baba ci ha fatto visita su questa terra per 30,834 giorni, ha vissuto circa 1.133 mesi lunari, o 94,4 anni lunari, e in conformità a quanto da lui previsto ha vissuto per 95 anni e 54 giorni (calendario Gregoriano Romano) sulla terra.
    Quindi la Sua previsione è corretta.
    Il suo ritorno sulla terra è previsto tra 9 anni (lunari), quando il Maestro reincarnato ci guiderà verso l’illuminazione planetaria dell’Età dell’Oro.

    Dio vi Benedica, Namastè

  16. hai conusciuto sai baba,attraverso l’esperienza di altri,pur intelligenti come tu dici,ma in sintesi è e rimanane un sentito dire e in modo particolare ancor di piu per un “personaggio” come sai baba.Citando l’esperienze,per cosi dire negative, dei tuoi amici ,è bene ricordare (senza fare paragoni)che non tutte le persone che hanno incontrato il Cristo lo hanno accettato,anzi chi non lo ha accettato lo ha respinto e attaccato…e cosi via anche per altri grandi maestri.Il Cristo è venuto per alleviare le pene dell’umanità ed elevare le coscienze con il proprio sacrificio,prima di Lui ne sono venuti altri e dopo di lui ne sono venuti altri e ne verranno ancora.Il solo pensare che il Cristo sia stato l’unico e che prima e dopo di lui nessuno è negare la misericoria di Dio.Sai Baba era ed è considerato un poorna avatar, cioè una incarnazione diretta della divinità, scesa sul pianeta con tutti i poteri di onniscienza ,onnipresenza e onnipotenza e in forma umana.A detta dei più considerati e conosciuti santi indiani(e non santoni,un termine usato spesso da noi occidentali in modo improprio se non dispregiativo),Sai Baba è la più alta incarnazione di Dio che sia mai scesa sul pianeta e ci vorranno migliaia di anni primoa che ciò risucceda.Per distruggere il male e per proteggere il dharma(RETTITUDINE)i buoni e i giusti di era in era Io mi incarno,cosi dice Sri Krishna nella bhagavad gita.La verità è al sopra di qualsiasi religione

  17. quanti limiti ci poniamo,purtroppo.I limiti che si pongono gli uomini appartengono alla natura stessa dell’uomo e naturalmente non sono una virtù,ma si collocano nella sfera del non conoscere (ignoranza)……….nati non foste per viver come bestie(non inteso come animali),ma per seguire virtute e conoscenza

  18. SONETTO IN LODE DE L’ASINO

    O sant’asinità, sant’ignoranza,
    Santa stolticia e pia divozione,
    Qual sola puoi far l’anime sì buone,
    Ch’uman ingegno e studio non l’avanza;
    Non gionge faticosa vigilanza
    D’arte qualunque sia, o ‘nvenzione,
    Né de sofossi contemplazione
    Al ciel dove t’edifichi la stanza.
    Che vi val, curiosi, il studiare,
    Voler saper quel che fa la natura,
    Se gli astri son pur terra, fuoco e mare?
    La santa asinità di ciò non cura;
    Ma con man gionte e ‘n ginocchion vuol stare,
    Aspettando da Dio la sua ventura.
    Nessuna cosa dura,
    Eccetto il frutto de l’eterna requie,
    La qual ne done Dio dopo l’essequie.

    Giordano Bruno

    P.S. Allora fu messo al rogo perché in una realtà accecata dal dogma invitava alla ragione ma sono sicuro che (anche avendone realmente la possibilità) oggi non succederebbe la stessa cosa perchè i cristiani di ieri non sono quelli di oggi.

    R.P.S. Oggi si mette “al rogo” Sai Baba ma sono altrettanto sicuro che i cristiani di domani non lo faranno, perchè avranno compreso che, come insegnava Sai Baba, la vera fratellanza tra gli uomini non è quella esistente tra i membri di un’unica religione ma quella che va al di là di tutte le religioni, di tutti i credi, di tutte le filosofie e di tutte le divisioni.

  19. Non avevo mai sentito parlare di Sai Baba,se non moriva probabilmente non saorei neanche ora chi era.
    Ho cercato un pò in rete e ho trovato questo suo scritto:

    Baba: “Quando qualcuno vi insulta o diffama o vi ignora, accettate la cosa con un sorriso… Quando non accettate l’insulto, questo torna indietro alla persona che l’ha mandato, come una raccomandata che non é accettata torna al mittente. Non danneggiate la vostra pace mentale ricevendo la lettera e leggendone il contenuto. Rifiutate di accettarla. In questo modo avete anche la possibilitá di correggere chi ha sbagliato; accettando la lettera invece vi assocerete alla compagnia di coloro che si comportano male, siete avvisati! L’arma dell’amore disarma qualsiasi oppositore. L’amore chiama amore; esso sará riflesso indietro, cioé potrá avere solo l’amore come reazione. Spara “amore”, e l’eco dal cuore dell’altra persona sará anche “amore”!”

    Dal libro: Sathya Sai Baba and Jesus Christ” by Peter Phipps Sathya Sai Publications New Zealand

    Mi sembra sia simile al messaggio del Cristo,che poi qualcuno lo accusa si essersi arricchito facendo il santone,allora noi che dovremmo dire del vaticano?

    Lui predicava come predicano i nostri sacerdoti o sbaglio? Poi ripeto non avendone mai sentito parlare non posso dire ne male ne bene di lui.

    Un cordiale saluto

  20. Metto anche questo pensiero,perchè mi piace

    L’AMORE É:
    L’AMORE COME PENSIERO É VERITÁ
    L’AMORE COME AZIONE É RETTA CONDOTTA
    L’AMORE COME SENTIMENTO É PACE
    L’AMORE COME COMPRENSIONE É NON-VIOLENZA

    Sempre un cordiale saluto

  21. Ho letto il commento di Marina e non posso fare a meno di scrivere ciò che segue :
    tu non sapevi nemmeno dell’esistenza di Sai Baba e sono sicuro che moltissimi si trovano nella medesima condizione di non conoscenza …….
    il messaggio di Sai Baba il cui significato mi spiace dirlo, è fuori dalla possibilità della nostra comprensione, non è unico, non è isolato, non è stato espresso solo da Sai Baba e da Gesù ……… potrei elencare qui un numero di nominativi infinito e/o indefinito che riempirebbe pagine e pagine, di persone viventi o che hanno vissuto su questo pianeta a partire da epoche molto antecedenti la nascita di Gesù Cristo e che hanno espresso il medesimo contenuto del messaggio che hai riportato di Sai Baba …….. la nostra ignoranza o mancanza di conoscenza, si basa innanzitutto sulla mancanza di informazione, della qual cosa potremmo essere tutti colpevoli e/o innocenti nello stesso tempo ……. Oggi tutti hanno a disposizione Internet e i relativi motori di ricerca ……. Datevi da fare , cercate, leggete, informatevi e sperimenterete l’esistenza di nuovi mondi ……..

  22. ***Datevi da fare , cercate, leggete, informatevi e sperimenterete l’esistenza di nuovi mondi***

    No, grazie caro: non ho nulla da cercare se non di meglio seguire il Vangelo di Gesù Cristo che ha detto “Io Sono la Via, la Verità , la Vita”.

    Non ho bisogno d’altro se non di convertirmi continuamente ad Esso (il Vangelo) e di chiedere il perdono a Dio ed ai fratelli: il perdono posso ottenerlo solo attraverso la Chiesa e precisamente attraverso il Sacerdote nel Sacramento della Confessione.

    Non voglio e non ho bisogno di “sperimentare nuovi mondi” magari attraverso la meditazione e le tecniche orientali o voodoo(le metto insieme volutamente perchè la matrice è la stessa)perchè rischierei seriamente di trovarmi nelle fauci del demonio -migliaia di persone gli esorcisti hanno dovuto liberare!

    Si, vedremo “cieli nuovi e terra nuova” ma quando Cristo tornerà, nella Gloria.

  23. la verità vi renderà liberi,diceva CHI tu sai caro Cosimo, ma se continui cosi la vedo dura.Da cosa ti devi convertire continuamente?……..Io mi sono dovuto convertire ,non in una specifica religione,ma dal mio modo di pensare,era li la lente che mi faceva vedere tutto distorto e pensavo di essere quello che aveva capito tutto,salvo poi accorgermi che era il contrario

  24. Per Giambta

    Lei dice:”il messaggio di Sai Baba il cui significato mi spiace dirlo, è fuori dalla possibilità della nostra comprensione, ”

    Vorrei capire cosa signica per Lei :mi spiace dirlo ma è fuori dalla possibilità della nostra comprensione.

    Non capisco..perchè le spiace dire che non possiamo capire e comprendere? Forse si potrebbe dire che è difficile da mettere in pratica,questo lo posso capire ,non tutti sono capaci .
    Marina

    Un cordiale saluto

  25. Trovo finalmente plausibile il calcolo di Amore di martedì 26 aprile. Nei miei interventi precedenti avevo sottolineato l’errore della profezia. Di Sai Baba conservo un ricordo molto vivo essendo stato ospite nel suo ashram nel 1989. La differenza tra me e gli altri era che io stavo da turista e non mi mischiavo mai agli altri durante i darshan restando fuori a guardare. Ricordo che Sai Baba mi fissò a lungo il primo giorno sorridendo per nulla incazzato. Gironzolavo sempre curioso e lui spesso appariva all’improvviso fuori orario nella sua mercedes arancione, quasi volesse essere guardato da me. Mi accettò come ero. Questo mi comunicò una gioia inesprimibile.

  26. Ognuno di noi ha la sua via da percorrere, nessuno di noi è eguale all’altro, e i punti di vista sono differenti. ma perché imporre il proprio credo e la propria ideologia ad altri. Gesù il Cristo parlava di Amore e di fratellanza, al di là dei credo e delle proprie convinzioni personali. L’amore sta nel fatto di avere compassione negli altri, la compassione implica la comprensione, la comprensione sviluppa l’ Amore. Tutti coloro che sostengono che la propria religione o il proprio credo sia il più giusto e il più da seguire, commettono un errore di presunzione. L’egotismo no ha niente a che vedere con l’amore che rendono uguali tutti gli esseri illuminati, sia cattolici, che mussulmani, o induisti, buddisti etc etc. Chi parla male dell’altro parla male di se stesso. Se una religione denigra un essere spirituale come Sai Baba manifesta la sua contraddizione e la sua ignoranza, e non durerà nel tempo.

  27. Sai Baba non ha mai parlato di falsi profeti, ha sempre rispettato tutte le religioni che ci sono su questo pianeta, e di conseguenza ha sempre rispettato il pensiero di ogni singolo individuo al di là della scelta religiosa che possa aver fatto.
    Io mi chiedo con quanta arroganza, e con quale diritto, se non con quanto rispetto per il prossimo (vostri fratelli) questo sito si propone alla gente. Ognuno che esprime un’opinione di un altro, non fa altro che esprimere la sua condizione. Ammettendo come voi dite che Sai Baba è un falso profeta, voi allora siete, la “VERITA?'”. Voi non fate altro che difendere i vostri interessi, denigrando gli altri, state adoperando lo stesso sistema dei politici attuali. Volete crescere denigrando gli altri. Dimostrate con l’amore e la Verità. Come diceva Sai Baba: “la mia vita è il mio messaggio”. E se sarete in grado di dimostrare la verità con l’amore e la comprensione che avete per il prossimo, troverete tante persone che vi seguiranno, altrimenti farete soltanto danni, che poi dovrete ripagare.

  28. i commenti
    -un pò ossessivi, in vero-
    è il caso di dire “si giudicano da soli”.
    Sicchè non è il caso di ribadire
    che sai Baba era il figlio primogenito
    di satana
    ed ora -con lui- versa nella miserabile
    e terribilmente angosciosa ed eterna situazione di privazione di Dio, PER SEMPRE!

    il ripresentarsi di certi commenti luciferini debbono essere l’effetto della Sacra Immagine del Santissimo.

    Pensate costoro se si avvicinano realmente alla Presenza viva e vera di Cristo, Signore e Salvatore del mondo, accostandosi ad un Tabernacolo.

    Che dire?
    Come dice la Madonna:
    pregate, pregate, pregate.

    Ed aggiunge:
    “la maggior parte di quelli che vanno all’inferno son quelli che, in vita, non credevano alla sua esistenza”.

  29. Io vedo la realtà dell’Inferno. Molti sono già scesi nell’Inferno prima di essere morti. Dante non usò assolutamente una metafora quando descrisse in un certo luogo della sua Commedia questa condizione. Ma su Sai Baba non mi pronuncio. Penso che l’uomo del nostro tempo meritava questa comparsa per la situazione in cui sta. Dio non crea mai assolutamente nulla di inutile. Lucifero rientra nel suo piano divino. La differenza tra me e la Chiesa cattolica sta nel fatto che io non ho bisogno di credere perché vedo.

  30. Caro Cosimo, non te la prendere se scrivo ancora qualcosa approfittando dell’occasione che mi viene gentilmente offerta, su questo sito internet …….
    Vedi, non mi sento un’assatanato e non ci tengo a fare amicizia con Lucifero, anzi lascio a te e ad altri, se vuoi e se vogliono, l’onore di avere a che fare con lui per sconfiggerlo …….
    E’ interessante quanto ha scritto Arji ed anche quello che ha scritto Joseph ……
    Provo ad esprimere il mio pensiero sperando di non attirare l’ira di Dio e l’interesse di Satana, anche se non temo la prima perché non ho nulla da nascondere a Dio, quantunque sarebbe impossibile farlo, e non mi importa nulla dell’interesse di Satana, dato che non ho nulla a che vedere con Lui …….
    Arji ha raccontato evidentemente qualcosa di Sai Baba sconosciuto a coloro che non hanno seguito da vicino le vicende dell’Avatar “indiano”, mi ha fatto piacere leggerlo e per quel che mi riguarda se capita l’occasione, leggerò ben volentieri anche in futuro ciò che troverò scritto su di Lui ……
    Joseph ha scritto qualcosa di strano e “non molto” comprensibile ……
    Joseph vede la realtà dell’Inferno, lui vede ……
    Io non ci vedo molto bene, ma però “sento” …….
    In ogni modo penso che dobbiamo fare tutti tesoro degli insegnamenti che ci sono stati dati da Dio, tramite uomini Evoluti e Santi, scegliete Voi quali essi siano o siano stati…..
    Sai Baba se né andato, Gesù pure lo ha fatto anche se in modo diverso ……..
    Ugualmente tutti gli altri uomini e donne Santi/e, che hanno posato i loro piedi e lasciato le loro impronte nella polvere che si deposita sulla superficie di questo pianeta del sistema solare, in una delle innumerevoli galassie che compongono l’Universo visibile ed invisibile ………
    Quegli uomini e quelle donne hanno dimostrato che l’Universo visibile ed invisibile è dentro e fuori ad ognuno di noi ………
    noi tutti conteniamo l’Universo e tutti noi possiamo vedere l’Universo che si estende fuori di noi all’esterno ……
    Un famoso aforisma spiega che i pesci vivono immersi nell’acqua del mare e non possono ovviamente in alcun modo avere esperienza di vita sulla cima di una montagna …….
    I pesci sono immersi nell’acqua del mare e contengono l’acqua del mare, l’acqua del mare si trova all’esterno ed all’interno di essi ……
    Quei Santi/e, ci hanno spiegato che Dio è all’esterno come all’interno di ognuno di noi, noi tutti siamo immersi in Dio …..
    Pertanto non è necessario cercare Dio negli oggetti e nelle cose benché Esso sia visibile ovunque ………… è molto meglio cercarlo in noi stessi, dentro di noi ……..
    Vediamo in Sai Baba, in Gesù Cristo e negli altri, il Maestro esterno e non ci impegniamo granchè a cercare il Maestro che stà dentro di noi,
    il Maestro interiore ……

  31. Tra vedere e sentire non c’è differenza di sostanza: sono due aspetti complementari del contatto primario con l’Essere. La differenza invece sta tra l’intelletto, che pretende di andare senza sentire e vedere, e l’esperienza primaria dell’Essere che tutti abbiamo. Si può negare l’Inferno solo quando si usa l’intelletto. Lo hanno fatto proprio gli illuministi. La fede è una risposta all’intelletto, che purtroppo si muove sullo stesso piano, ovvero di parlare di cose che non si vedono e non si sentono, dando nuova linfa al filosofo, che in sostanza è un vampiro che si nutre di questa differenza.

  32. Mi spiace che Cosimo abbia dato un giudizio negativo sui muratori con i quali comunque, ho poco o nulla a che vedere……..
    Il Maestro Interiore a cui accennavo nel precedente commento, non sono io e non è una persona in carne ed ossa o un’entità, ma una condizione o stato d’essere o di coscienza, può essere l’obiettivo di una ricerca ……
    Condivido sul fatto che l’inferno sia una condizione, possibilmente evito di nominare Lucifero e Satana, ma non per paura e nel caso userei i due nomi in modo simbolico ……
    Sulla fede e sull’intelletto si trovano spiegazioni diverse da quella data da Joseph, che non credo sia da escludere, nei libri di Aurobindo e Krishnamurti, la mia posizione al riguardo segue una la linea già tracciata …….
    Il filosofo si esprime con le parole ed i concetti, ma vi sono altre possibilità di espressione che non implicano l’uso del verbo, che come può essere evidenziato in tutti i commenti qui presenti, miei compresi, limita le possibilità espressive …..

  33. Profeta o no, credo che tutti noi siamo qui per fare esperienze secondo la nostra evoluzione. Tutto segue un disegno prestabilito, tutto serve anche l’esperienza più negativa può aiutarci a farci progredire, il resto sono parole…..

  34. ebbene una volta per tutti di non affaticarsi a trovare la verita’ su Sai Baba
    secondo la nostra associazione di maghi professionisti Sai Baba approfittava delle nostre tecniche per imbrogliare il prossimo, con questo spero che terminano le discusioni di un uomo rozzo che voleva presentarsi come profeta.

  35. Dico solo la mia, nessuno è in nessun modo obbligato a condividere la mia opinione ……
    Mi sento di dire al mago Silva che personalmente non metto in dubbio che quello che Lei afferma riguardo le tecniche usate da Sai Baba corrisponda alla realtà dei fatti ……
    Contestualmente penso che ciò non sia sufficiente ad intaccare la validità delle opere materiali e spirituali realizzate da Sai Baba …….
    Non è mia intenzione paragonare Sai Baba a Gesù, ma tutti sanno che anche Gesù doveva affidarsi ad alcuni “trucchi”, metaforicamente parlando, usando delle parabole per far comprendere alle genti ciò che intendeva dire e spiegare ……

  36. Chiunque fosse,
    ha dato sopravvivenza a 3000 aree a milioni di persone affamate
    e ha dato la cosa più di valore L’acqua e i Pozzi
    Ha fatto più Lui in 50 anni da solo che il Governo Indiano i centinaia di anni,
    Ha dato più Lui che tutto l’occidente specie l’Inglilterra in centinaia di Anni
    Ha dato ha riequilibrato ciò che l’Occidente ha tolto all’ India sfruttandola nella storia specie le colonie Inglesi.
    Questa è l’unica cosa reale ha fatto si che l’ccidente si sia messo in scambio almeno per un minimo e ha dato esempio che Le caste e il governo indiano è Arcaico antisociale e non si cura di milioni di aree in India e Lui invece lo ha fatto da solo. Ha dato ospedali e istruzione.
    Ditemi su 6 miliardi di persone sulla terra chi ha fatto tanto quanto Lui per il proprio popolo?
    Quale Governo sulla terra ha fatto quello che ha fatto lui da solo?
    Chiunque fosse i risultati ci sono stati e milioni di persone sono sopravvissute e il Governo Indiano si ritrova pozzi d’acqua .
    Quindi siate meno ipocriti e osservate OBNOSIS e state di fronte al fatto che chounque fosse noi siamo a confronto formiche che portano solo sopravvivenza e minima a se stessi .
    Grazie e Salve

  37. Chiunque fosse,
    ha dato sopravvivenza a 3000 aree a milioni di persone affamate
    e ha dato la cosa più di valore L’acqua e i Pozzi
    Ha fatto più Lui in 50 anni da solo che il Governo Indiano i centinaia di anni,
    Ha dato più Lui che tutto l’occidente specie l’Inglilterra in centinaia di Anni
    Ha dato ha riequilibrato ciò che l’Occidente ha tolto all’ India sfruttandola nella storia specie le colonie Inglesi.
    Questa è l’unica cosa reale ha fatto si che l’ccidente si sia messo in scambio almeno per un minimo e ha dato esempio che Le caste e il governo indiano è Arcaico antisociale e non si cura di milioni di aree in India e Lui invece lo ha fatto da solo. Ha dato ospedali e istruzione.
    Ditemi su 6 miliardi di persone sulla terra chi ha fatto tanto quanto Lui per il proprio popolo?
    Quale Governo sulla terra ha fatto quello che ha fatto lui da solo?
    Chiunque fosse i risultati ci sono stati e milioni di persone sono sopravvissute e il Governo Indiano si ritrova pozzi d’acqua .
    Quindi siate meno ipocriti e osservate OBNOSIS e state di fronte al fatto che chounque fosse noi siamo a confronto formiche che portano solo sopravvivenza e minima a se stessi .
    Grazie e Salve

  38. E’ arrivato in un mese di settembre, per me, ha risvegliato la mia vita, consentendomi di viverla più serenamente e consapevolmente.Questa la testimonianza : relativa ed inficiabile da qualunque argomentazione.
    Da questa base pratico e dico: è bene che chiunque veda ciò che vuole vedere e se serve Einstein, direi che l’unica vera realtà è il pensiero.
    Ebbene, superiamo le divisioni, se Baba può costituire una divisione non parliamo di lui, ma del messaggio.Quindi rinunciamo a dire cosa occorre fare all’altro, poniamo memoria solo a ciò che siamo e responsabilità di ciò che abbiamo professato.Con sincera comprensione di chi ha avuto un altro percorso, senza giudicare sfortunato o peregrino chi non si è imbattuto in una vita di gioia…diamoci da fare perchè quella persona divenga davvero felice, ora: siamo assieme e offriamo l’aiuto a ciascuno, in nome della nuova fratellanza umana…non pensate che già ci sia troppo dolore a questo mondo senza doverlo perpetrare in ogni angolo?Grazie per l’ascolto.

  39. L antecristo e colui che si siedera al posto di dio proclamando se stesso dio con ogni sorta di falsi miracoli e prodigi menzogneri usera parole di verita non sue per ingannare il prossimo persino quelli eletti che aveva scelto per se, questo passo tratto dalle lettere di san paolo fa capire chi e sai baba, io sono stato suo devoto per dieci anni,per favore nonstiamo a prenderci in giro la storia che doveva morire a 96 anni era una profezia che non si e avverata, anche io xono rimasto commosso dai suoi insegnamenti di amore piu di quanto facciano i sermoni in chiesa la domenica,ma chi conosce il linguaggio di dio? solo uno che e stato vicino a dio, gia che e stato ma ora non lo e piu poiche era un angelo…ripudiato….satana

  40. Le profezie non possono essere modificate,ma pensate un pose Gesù invece di metterci 3 giorni per resuscitare ci avesse messo 5 giorni oppure decideva di non morire in croce ,le profezie dicevano 3 giorni e 3 giorni sono stati ,troppo comodo fare gli affari propri e poi dire ,ma si! ho cambiato le profezie ,la verità è che non si puuo’ tacere quando si sentono storie di abusi sessuali o altri coinvolgimenti poco puliti ,penso che ogni devoto debba interrogarsi e indagare a fondo su questi avvenimenti cercando di trovare in se un minimo di lucidità ,io sono stato per dieci anni suo devoto ,ma a differenza di altri io non ho mai abbandonato la figura di Gesu’ quando pregavo,ho visto invece devoti llevare la foto di Gesu’ e sostituirla con quella di Sai Baba ,questo è la prima cosa che non si doveva fare ,bisognava continuare ad essere cristiani ,gli insegnamenti di sai baba quelli di amore andavano bene e colpivano,usava il linguaggio di Dio? ma solo perchè come detto nella mia preceente mail lui conosceva molto bene Dio ,in quanto prima lui era l’angelo prediletto ,prima che fosse cacciato da Dio,questa è l’unica soluzione ,ora potete anche insultarmi non mi importa ,ma sono daccordo con Padre Amorth,non crediate che non abbia pianto dopo aver scoperto cose negative sul suo conto,ma Gesu’ era sempre li a consolarmi ,io la sua immagine non l’ho mai abbandonata,sono poi andato a confessarmi e spero che Dio mi abbia perdonato per aver seguito Sai Baba,nelle lettere di San Paolo dopo esserci scritto ” che quando verrà il figlio dell’iniquità si siederà al posto di Dio proclamando se stesso Dio e fara’ ogni sorta di prodigi e falsi miracolo ..poi aggiunge ..siii che essi credano alla menzogna ,per questo Dio ha mandato una potenza seduttrice e sedurrà persone che Dio si era scelto per se (vedi diversi sacerdoti)

  41. Non volglio aggiungere molto, so solo che ho incontrato Sai Baba, ho vissuto mesi accanto a Lui, nel suo Ashram, l’ho studiato ma sin dal primo momento ho sentito che era veramente Dio in terra in forma umana. Nessuno può giudicare si deve solo aver assaporato e il cuore conosce subito la verità, nessuna illusione ma solo Amore puro. Cordialmente Marina

  42. Ho gia’ scritto a riguardo Sai Baba, questi non era niente, se poi ha fatto opere di bene non significa ossannarlo come un Dio, anche il papa e’ insignificante, come pure Gesu’ Cristo, questi personaggi sono alla ribalta a causa della ignoranza della gente, la scienza mondiale ha dimostrato che tutte le religioni sono state inventate dall’uomo e non c’e’ vangelo ne bibbia che tenga e la religione cattolica appartiene alla ciarlataneria. I sacerdoti quando discutono con gente ch ragiona dicono ipocritamente, Dio ama anche te che non hai fede, Dio non ama nessuno Dio non esiste, magari esistesse
    almeno le persone sofferenti con tante di disgrazie, si sfogherebbero a bestemiarlo .

  43. “Ha cannato la data della sua morte, dal momento che e’ Gesú a decidere la vita e la morte dell’uomo.” (cit.)
    Con tutto il rispetto, ma Gesù non decide proprio nulla dal momento che non è il figlio di Dio. La nascita, la vita e la morte di Gesù furono decise a tavolino 300 anni DOPO la sua morte, e questa è storia. Gesù era un essere umano, che predicava l’amore ed il rispetto del prossimo, ma era sposato, aveva dei figli, dei fratelli più grandi e più piccoli e sua madre non era vergine. Tutte queste “leggende” furono prese da altre divinità esistenti: Horus, Mitra, Krishna, ecc…
    Avere fede è cosa buona, bere le cazzate che qualcuno ci racconta per tenerci “buoni” no.
    Basta leggere le Sacre Scritture per capire che qualcosa non quadra, ci sono troppe contraddizioni: nel vecchio testamento Dio è geloso (per sua stessa ammisione), guerrafondaio, vendicativo, assassino e chi più ne ha più ne metta; nel nuovo testamento diventa improvvisamente misericordioso.
    Gesù professava la povertà, il suo rappresentante (papa) è l’uomo più ricco del globo: che qualcuno ci stia prendendo per il culo? coloro che non l’hanno già fatto, aprano gli occhi e non credano ciecamente ad un Dio inventato su misura dall’uomo.

  44. Vediamo sempre la pagliuzza negli occhi degli altri e raramente ci accorgiamo della trave nel nostro. Amo Gesù e amo Sai Baba, il mio maestro, perché entrambi sono portatori d’amore e verità. Se fossi nato due millenni fa avrei voluto incontrare Gesù. Vivo in questi tempi, ho voluto incontrare Sai Baba e mi è stato concesso. Tutto quello che mi porto nel cuore è frutto della mia esperienza personale, un’incontro che mi ha cambiato la vita e mi ha riconciliato con le mie radici cristiane da cui il fragore del mondo e dei suoi inganni mi avevano allontanato. Forse molti non hanno bisogno di questo tipo di incontri, io evidentemente sì. Può essere che la mia coscienza sia pigra ed abbia bisogno dimuno stimolo come questo. In ogni caso seguire la verità, riempire la propria vita d’amore, gentilezza, servizio al prossimo sono pratiche insegnate anche da Sai Baba – con le parole e con i fatti – e che ogni giorno mi sforzo di realizzare, anche se con grande fatica e tante sconfitte, perché sono umano. In questo momento voglio spendere queste parole, per difendere un vero Maestro ed amico, la cui vita è un esempio di virtù e che non merita diffamazioni; anche Gesù fu vilipeso e diffamato dai religiosi del suo tempo e questo rattrista il mio cuore, ieri come oggi. Vi ringrazio per avermi stimolato e avermi dato l’opportunità di dichiararmi apertamente.

  45. MI DISPIACE RIPETERE CHE SAI BABA ERA UN IMPOSTORE E VI DICO SUBITO CHE LUI POSSEDEVA GLI STESSI NUMERI DI ILLSIONISMO CHE HO IO E TANTI ALTRI MAGHI INTERNAZIONALI, CON LA DIFFERENZA CHE NOI LI USIAMO PER DIVERTIRE IL PUBBLICO, MENTRE SAI BABA LI USAVA PER INGANNARE, CHE POI ABBIA FATTO DEL BENE NON SIGNIFICA NIENTE ADDIRITTURA ULTIMAMENTE LA TELEVISIONE HA FATTO VEDERE UN ALTRO INDIANO
    ESIBIRSI CON I NOSTRI TRUCCHI INGANNADO, FACENDOSI PASSARE PER PROFETA, MOLTI DI VOI L’AVRANNO VISTO CON LA MOLTIPLICAZIONE DEL RISO E CON LA BROCCA, CHE BENCHE’ VUOTA FACEVA APPARIRE SEMPRE ACQUA, CONOSCO QUATTRO LINGUE STRANIERE E NEL MONDO HO SEMPRE SCOPERTO TRUCCHI USATI DA RELIGIOSI, PURTROPPO DOVE LA FEDE SI POSA ANCHE LA MERDA DIVENTA. ROSA

  46. Chi è dunque il vero devoto Sai?
    Lo lasciamo dire a Sathya Sai Baba:

    “E’ colui che persegue la realizzazione del Se
    seguendo regole, regolamenti e disciplina;
    che evita di infliggere sofferenze agli altri
    in qualunque modo,
    con le parole, con le azioni,
    ma persino con il pensiero;
    che vede Dio in tutti coloro che incontra;
    che non cerca mai i difetti degli altri,
    ma li ignora e cerca i suoi per correggerli.

    Devoto è colui che lotta per distaccarsi dalle cose del mondo,
    che compie il proprio dovere nel migliore dei modi
    nei confronti della famiglia, della società e della nazione
    senza mai preoccuparsi dei frutti che potrà ottenere.
    Devoto è colui che parla dolcemente,
    che ha sempre una parola buona,
    che non si lascia mai intrappolare
    dai sentimenti più nocivi e karmicamente pesanti
    come l’invidia, la gelosia e la collera.”

Lascia un commento